Di fumetto (povero), in radio

In leggero ritardo ho recuperato e ascoltato le prime due puntate di ‘Podcast Povero’, trasmissione radiofonica sul fumetto, condotta da Marco La Fratta e Vanessa Maran, ossia il Mecenate Povero, reperibile ogni due settimane sulla piattaforma Querty e scaricabile sul sito spreaker.it. Marco e Vanessa, come forse saprete, non sono due appassionati qualsiasi: sono degli ‘impallinati’ di fumetto; con alcune caratteristiche radiofonicamente utili: parlantina fluida, grande affiatamento e cultura fumettologica molto vasta riguardo al mondo dell’editoria indipendente. Il loro sito, mecenatepovero.it, contiene infatti un tale carico di contenuti, materiale biografico e novità, da far impallidire i più attempati archivisti della Biblioteca del Congresso e la trasmissione suddetta vorrebbe esserne un ideale upgrade. Il luogo perfetto per ospitare interviste, commenti, opinioni del pubblico e degli esperti, ma anche per imbastire una seria narrazione divulgativa che manca in effetti ai grandi siti mainstream di approfondimento, quando si parla di autoprodotto. [.] Sarà anche per questo che il loro impallinamento non soffoca la conversazione, e pur non facendone dei conduttori, ne fa sicuramente due efficaci affabulatori.

Un punto a sfavore del podcast sono però le interviste -specie nella scansione delle domande- che Maran e La Fratta pare conducano col pilota automatico, lasciando troppo campo aperto all’ospite, e anzi, quasi facendogli presentare l’intera puntata. Davvero una pecca evitabile, non solo perché compromette i toni dell’ascolto -intrattenimento ridotto al lumicino-, ma anche perché non fa emergere, degli invitati, i gusti e la personalità, trattandoli come semplici conferenzieri. Certo, la presenza come ospite di Francesco Ciaponi nel primo episodio dev’essere stata di aiuto. Su di lui si può contare, quando si desidera discutere di fumetto con sentimento e competenza. Ho proprio apprezzato, a onor del vero, le parole con cui Ciaponi è riuscito a descrivere l’impossibilità di costruire un nuovo fronte comune di editoria underground in Italia, causa l’influenza dei social e il sopraggiungere di quell’individualismo di massa ben argomentato da Baricco nel suo ultimo saggio, e qui in parte ripreso -credo- involontariamente. Orizzontalità di allora e verticalità attuale: il piacere tutto sessantottino di un approccio condiviso all’esperienza editoriale -addirittura portato all’estremo in certe circostanze, leggasi: redazione di Re Nudo adibita a comune– in opposizione a una logica settoriale che determina un brulichìo di narrazioni singolarmente fruibili, e a chilometri di distanza. Ciaponi citava autori come Max Capa, non Andrea Pazienza. Ma il ragionamento mi è parso ben più che azzeccato: se a parlare è l’esperto più punk dell’editoria indie del paese, beh, siamo di fronte a un buon esempio paradossale per riflettere sulla differenza tra ‘posso farlo’ del Sessantotto e ‘me lo faccio da me’ degli anni di piombo. Concetti ben diversi tra loro, malgrado le fanzine li abbiano praticati -a volte per fortuna, a volte purtroppo- entrambi.

C’è infine un altro motivo per parlare di Podcast Povero. Fino a pochi anni fa il fumetto era sostanzialmente assente dalla radiofonia italiana e in particolare dall’infotainment radiofonico. Qualche realtà importante era patrocinata dal canale Rai Radio3 -tipo Fahrenheit– ma altre prescindevano dalle frequenze nazionali. Pochi sanno che dal 2006 al ’10 anche Andrea Antonazzo ha curato un podcast di critica da autodidatta -e con un nome decisamente impegnativo sulle spalle, Il Garage Ermetico-, prima ancora che piattaforme come Spotify o Spreaker colonizzassero l’etere. Radio Kairos, l’emittente che l’ha supportato è stata fra le prime ad intuire che forse, promuovendo le puntate online una volta trasmesse, gli ascoltatori sarebbero potuti aumentare a dismisura anche malgrado il tema, allora non certo popolare come oggi, del fumetto d’autore.

Un’intuizione semplicissima. Sulla quale oggi, però, si basano le statistiche di Tizzoni d’Inferno -2012-, Buona China -2016- Duluth -2018- il recentissimo e interessante Bussola di Carta -germinato nel giugno di quest’anno- e lo stesso Podcast Povero, che dal confronto coi predecessori -alcuni dei quali parecchio influenti sull’impatto culturale del fumetto in Italia- esce forse ‘leggermente’ penalizzato sotto certi aspetti, ma visibilmente ‘rinforzato’ dal punto di vista della coerenza con gli intenti di base -dei conduttori e della piattaforma che li sta ospitando. I tempi cambiano, come al solito. Da Radio3 a Querty, i casi che vi ho esposto non sono più limitati dalla ‘frequenza’ dell’offerta, in quanto la regolarità degli appuntamenti, applicata su trasmissioni sempre diverse e in costante escalation, è tale da colmare quei vuoti che si creano tra una puntata e l’altra di ogni singolo programma radio. Non c’è settimana insomma, in cui non venga caricato su Spreaker un file audio che ha per argomento il fumetto: non necessariamente uno in particolare, anche un autore, un disegnatore, un elemento culturale peculiare e utile alla sua diffusione locale.

Proprio come la stampa periodica, anche la radio ha recuperato ingenti quote di attenzione verso il fumetto. Il confronto con gli USA o con la Francia in tal senso non ci sembra più così impari. Da sempre France Culture dedica molto spazio al fumetto, e non è certo l’unica se consideriamo l’interesse nutrito da France Inter e -soprattutto- France Info, che da circa trent’anni assegna il prix de la Bande dessinée d’actualité et reportage, sempre per merito di una giuria preparata. Ora che il Governo francese ha dato il via al progetto ‘BD2020‘ -la cui ambiziosa finalità è rendere il 2020 un anno dedicato al ‘fumetto’ in tutti i territori e per tutto il pubblico- sarà interessante capire se, oltre che per le mostre e le conferenze, verrà stanziato qualche fondo anche per la diffusione radio, che mai come in questi anni si sta assestando, oltralpe, dopo il boom di metà anni 2010. Forse qui in Italia un piccolo povero podcast come quello del Mecenate dovrebbe ricordarci un tema più importante. E cioè che la radio, da indicatore sottovalutato della visibilità sociale, è diventato un mezzo ancora più accessibile, online. Il podcasting, mezzo a noi sconosciuto già solo cinque anni fa, ha saputo impostare un chiaro linguaggio fin da subito, mettendo al centro il contenuto. La sua pervasività, gratuità e facilità di fruizione si sono dimostrate risorse strategiche cui il fumetto -anzi: i critici e gli appassionati- hanno fatto ricorso, senza bussare alle porte delle grandi emittenti; soltanto contando sulle proprie forze, nella maggiore. Sta a noi decidere cosa è meglio per il fumetto. La radio è un mezzo percorribile, ma che tipo di contenuto ci aspetteremmo di trovare? Le ardite riflessioni di un nerd alle prime armi? O i ragionamenti maturi di un critico navigato?

Risultato immagini per podcast fumetto
Soluzioni alternative

Sono dieci cartelle: che faccio, lascio?

Un recente fatto editoriale, avvenuto sulle pagine di Fumettologica e passato per la verità piuttosto in sordina mi fornisce lo spunto per parlare nel dettaglio di un tema controverso. Spesso non ci badiamo, ma quanto dovrebbe “essere lungo” un articolo divulgativo? È bene includere i dettagli? O è meglio dare un senso generale fin da subito? Il fatto in questione, che ha suscitato in me tutte queste domande, è per la verità un po’ datato: è un’analisi critica di Francesco Boille, esperto di cinema e fumetti per Internazionale, new entry del network di Matteo Stefanelli, curatore di una rubrica molto retrò. Una piccola column.

Con quell’ultimo pezzo, Boille battezzava una sezione del sito inedita; un’area di critica estremamente specifica ai modi di “fare fumetto”, focalizzandosi sul disegno. Un metodo analitico curioso e all’avanguardia, capace di scomodare oltre ai temi canonici, tutta una serie di nozioni, aspetti storici, parallelismi, e raffronti artistici che arricchiscono la visione d’insieme e stimolano del nuovo pensiero critico anche nella mente degli avventizi. (E pur con grande presa di coscienza politica.) Al netto di simili premesse, tuttavia, Boille non centra del tutto l’obiettivo. La mole e la pesantezza del testo infatti si rendono complici di una scarsa comunicabilità di fondo, ostacolando la lettura anche a chi già ne sa e vorrebbe solo confrontarsi con un punto di vista del web. Abbondano le note, i dettagli non si contano e sono pure maniacali. Quello che sembra in apertura un bello spunto critico di divulgazione, saturo com’è di glosse, cela in realtà una scarsa capacità di fruizione. Perde molta della sua lucentezza. E finisce col rendersi buio, inutilmente contorto, proprio per la scarsa fluidità.

Intendiamoci. Dal punto di vista critico l’articolo rappresenta una vera rarità per il fumetto-mondo su internet. Una simile costanza analitica la si ritrova, al massimo, in una qualche realtà periferica, nettamente ombelicale rispetto a un colosso “mainstream” come Fumettologica. Che quindi pubblicandolo si è preso carico di numerosi rischi, a cominciare da quello percettivo: cosa avrà pensato il lettore medio della testata? C’è una rivoluzione editoriale in vista? O si tratta del solito scritto divulgativo inutilmente prolisso?

banner-maltese

Nel dubbio mi sono informato e ho scoperto, dialogando con un articolista di Fumettologica, che in origine la prova di Boille era destinata a un progetto di natura cartacea non telematica e che per essere pubblicata sul sito ha dovuto affrontare un arduo processo di ‘editing’ in un tempo tutt’altro che ristretto. Il problema andava quindi chiarendosi, ma rimanevano alcuni interrogativi: ad esempio, perché reclamizzare un articolo senza averne specificato l’utilizzo? I lettori non resterebbero confusi? E perché etichettarla come nuova rubrica se si trattava soltanto di una riflessione peregrina? Forse per rimediare all’errore, o magari, mi suggerisce l’articolista, il pezzo non era pronto per il cartaceo e il suo autore voleva che uscisse a breve. Ma sono solo supposizioni.

La vicenda mi ha fatto ripensare a un vecchio post di Harry ‘Naybors’, sul blog apocrifo harrydice.blogspot in cui, non senza una malcelata ironia, Guglielmo Nigro si chiedeva se in Italia mancasse un nuovo sito di critica sul fumetto. A chi potesse servire: se agli editori, ai fumettisti, ai lettori… o magari proprio ai critici, forti dell’idea che la “critica” sia anche -e soprattutto, scrive Nigro- una prassi, il cui scopo fondamentale è ritornare alle persone, favorire un contatto umano ancorché commerciale, assistere-consigliare, magari incentivare. Ed è strano pensare che giusto da questi stimoli 2 anni dopo sia nata Fumettologica. Il primo network che a differenza dei precedenti, quali LoSB e Badtaste, pone al centro il “fumetto-mondo” di autori, critici e industria ma in modo del tutto verticale, ospitando scritti di fumettologi autorevoli e semplici stagisti, dando voce agli autori come anche a certe pagine FB, diramando notizie in anticipo e aggiornandosi di continuo. Ma sempre nel vincolo di una narrazione unica. Un’idea pure politica se si vuole che non vietava di schierarsi editorialmente, ma al contrario stimolava un certo dibattito interno al sistema. Parlava male di ciò che lo meritava senza mai strizzare l’occhio a nessuno, pur mettendosi nei panni e dell’autore e del lettore, provando a giungere a un compromesso.

È forse cambiato qualcosa in questi ultimi cinque anni? No, non direi. Il livello di approfondimento critico è ancora elevato e le notizie vengono diramate col giusto anticipo sulla concorrenza persino meglio di un tempo. Se il contenuto resta critico, che dire del contenitore? Potrebbe aver intrapreso una strada a sé oppure essersi mosso in parallelo. Come lo definiremmo noi oggi un template dall’offerta così vasta e stuzzicante? Riflettiamoci un istante: Fumettologica è certo un sito di critica, ma non fa della critica il suo punto di forza. Mantiene il presupposto di Nigro, quello per cui la critica sia una prassi, ma lo declina in moltissime nuove forme: focus crossmediali, domande agli interessati, gran parte degli addetti stampa retribuiti. Ciò che ora esercita Fumettologica non è più un atteggiamento critico verso il fumetto, ma una visione giornalistica del suo ambiente. Una narrazione politica e per la prima volta multi-fruibile, nel mezzo della quale a maggior ragione articoli come quello di Boille “stridono” per principio. Sono troppo ingannevoli, nella loro scarsa fruibilità. Rischiano di svalorizzare il lettore, espellendolo dal target di un sito che non ne ha mai avuto uno, ricco com’è di contenuti, punti di vista ed espressioni.

Nel (provare a) leggere questo articolo incriminato mi è tornato alla mente un altro post, questa volta più recente in cui Simone Rastelli si riferiva alla critica come a una duplice occasione: far conoscere in breve tempo e gettare le basi, simultaneamente, per uno studio approfondito, mediante il dialogo online. Il centro del dibattito non è più “per chi” ma “che cosa” e “come lo scrivo”. Opto per un taglio ricercato e autoreferenziale o mi concentro di più sul lettore? I miei articoli devono poter essere dibattuti o devono essere definitivi? LoSB a differenza di Fumettologica è fisicamente aperto al dialogo: può contare su un efficacissimo pulsante “commenta” in fondo alle pagine -molto poco cliccato peraltro- e ogni giorno molti elaborati rimbalzano nelle bacheche più attive e trafficate della rete. Fumettologica non nasce con lo stesso obiettivo ma con il tempo ha saputo reinventarsi: ha riorganizzato la sostanza, e ha guardato ad altri territori, sia nostrani che stranieri.

Questo le consente di mantenere un approccio ibrido, a metà tra l’idea critica di una prassi -tipicamente commerciale- e la volontà di generare dibattito. Il pensiero di Nigro e quello di Rastelli sono chiamati a convivere, ma nessuno stabilisce un limite alla lunghezza degli articoli. In questo Fumettologica si è sempre dimostrata molto flessibile, pubblicando articoli sia lunghi che brevi, ma in generale nel solco di una certa coerenza. Gli scritti più corposi, infatti, erano molto spesso di infotainment, non di critica vera e propria, e perciò si prestavano più facilmente ad essere letti ovunque e da chiunque.